Diabetologia
Endocrinologia

Attenzione al metabolismo

La cura del sistema endocrino e del diabete

L’ambulatorio si occupa della diagnosi e cura del diabete mellito di tipo 1 e di tipo 2 e di tutte le altre patologie endocrine e metaboliche, operando in modo sinergico con il team Nutrizione e Dietologia.

Approfondimenti

Il sistema endocrino è uno dei principali sistemi con cui l’organismo trasmette le informazioni, controlla e coordina le proprie funzioni. Le malattie endocrine insorgono quando gli ormoni prodotti dalle ghiandole risultano essere insufficienti o in eccesso rispetto al bisogno dell’organismo, causando squilibri ormonali che si ripercuotono nel metabolismo di vari organi e tessuti.

Le ghiandole endocrine che più frequentemente vengono colpite da malattia sono: tiroide, paratiroidi, ipofisi, ipotalamo, pancreas, surreni, ovaio e testicoli.

Le patologie endocrino metaboliche

Il diabete mellito di tipo 1 è una malattia autoimmune che causa la distruzione delle cellule del pancreas che producono insulina (ormone che regola l’assorbimento del glucosio nella cellula). Si crea quindi un deficit insulinico che provoca un eccesso di glucosio nel sangue (Iperglicemia). Spesso il rene viene sovraccaricato e il glucosio viene espulso attraverso le urine (Glicosuria). L’organismo è costretto a produrre energia in altri modi formando corpi chetonici, il cui accumulo porta a scompensi di vario tipo, fino al coma.

Si manifesta, spesso, nell’infanzia e nell’adolescenza.

Le cause

Esiste una predisposizione genetica ma devono verificarsi altri eventi (fattori immunitari e/o fattori ambientali) affinché la malattia si sviluppi.

La prevenzione e la cura

Non vi sono ancora metodi per prevenire l’insorgenza del Diabete Mellito di tipo 1 mentre alimentazione sana ed esercizio fisico riducono il rischio del 60% di comparsa del Diabete Mellito di tipo 2.

La terapia sostitutiva con insulina è indispensabile i fini della sopravvivenza del paziente con Diabete Mellito di tipo 1, il quale dovrà imparare a regolare l’assunzione di carboidrati in modo da mantenere controllati i livelli di glicemia.

Per il Diabete Mellito di tipo 2 esistono diverse classi di farmaci che regolano la glicemia ma il primo intervento terapeutico coinvolge lo stile di vita: è necessario alimentarsi in modo corretto, raggiungere il normopeso e limitare la sedentarietà (peggiora l’insulino resistenza).

Il diabete mellito di tipo 1

Il diabete mellito di tipo 2 è la forma di diabete più frequente (90% dei casi) ed è tipico dell’età adulta. Nell’80% dei casi il paziente è obeso anche se, purtroppo, si manifesta sempre più spesso anche nei giovani in sovrappeso.

E’ caratterizzato da un deficit della secrezione di insulina associato alla resistenza dei tessuti all’azione dell’insulina (insulino resistenza) con conseguente aumento del livello di glucosio nel sangue (Iperglicemia).

Si stima che 1 milione di Italiani soffra di Diabete Mellito di tipo 2 senza saperlo.

Le cause

Esiste una suscettibilità genetica ma la malattia è decisamente precipitata da fattori ambientali quali obesità, elevato apporto calorico, sedentarietà..

La prevenzione e la cura

Non vi sono ancora metodi per prevenire l’insorgenza del Diabete Mellito di tipo 1 mentre alimentazione sana ed esercizio fisico riducono il rischio del 60% di comparsa del Diabete Mellito di tipo 2.

La terapia sostitutiva con insulina è indispensabile i fini della sopravvivenza del paziente con Diabete Mellito di tipo 1, il quale dovrà imparare a regolare l’assunzione di carboidrati in modo da mantenere controllati i livelli di glicemia.

Per il Diabete Mellito di tipo 2 esistono diverse classi di farmaci che regolano la glicemia ma il primo intervento terapeutico coinvolge lo stile di vita: è necessario alimentarsi in modo corretto, raggiungere il normopeso e limitare la sedentarietà (peggiora l’insulino resistenza).

Il diabete mellito di tipo 2

Staff Medico/Sanitario

Dr. Giuseppe Maraglino

  • Medico Chirurgo specialista in Diabetologia ed Endocrinologia

Il Dr Giuseppe Maraglino si è laureato in Medicina e Chirurgia all’Università degli Studi di Roma, dove si è anche specializzato in Endocrinologia.

Ha contribuito allo sviluppo del Reparto di Diabetologia degli Ospedali di Sacile e Pordenone

  • Anamnesi familiare, fisiologica e patologica (pregressa e attuale) del paziente
  • Esame obiettivo generale e relativo all’ambito specialistico per il quale si richiede la visita
  • Identificazione del sospetto diagnostico e richiesta di esami bioumorali e/o strumentali eventualmente utili a confermarlo
  • Indicazione terapeutica, se immediatamente possibile
  • Referto clinico scritto e indirizzato al Medico Curante
  • Laurea in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli Studi di Roma
  • Laurea specialistica in Endocrinologia presso l’Università degli Studi di Roma